Come proteggere i capelli dal cloro in modo naturale: 6 validi consigli

Se sei abituato a nuotare in piscina, devi prestare massima attenzione ai tuoi capelli, dato che il cloro può avere su di questi un impatto particolarmente negativo, rendendoli più fragili e sfibrandoli.

Lo stesso dicasi per l’acqua salata del mare. Anzi, in quest’ultimo caso, i rischi sono anche maggiori, una volta che il sole li asciuga.

Eccoti pertanto 6 validi consigli su come proteggere i capelli dal cloro in modo naturale.

 

1. Bagna i tuoi capelli con l’acqua della doccia, prima di tuffarti in piscina

E’ preferibile bagnare leggermente i capelli con l’acqua della doccia, prima di infilare la cuffia e di tuffarsi in piscina. Il motivo di quest’azione è duplice: da un lato, una volta che la chioma sarà satura dell’acqua doccia, l’assorbimento dell’acqua della piscina, nociva per il loro stato, non sarà più possibile; in questa fase, è opportuno non usare alcuno shampoo, visto che l’eventuale barriera naturale contro il cloro, rappresentata dal sebo, verrebbe spazzata via. Dall’altro lato, va detto che l’aderenza della cuffia è maggiore sui capelli bagnati che su quelli asciutti.

 

2. Gel protettivo e pettine a denti larghi fanno miracoli contro il cloro

La minaccia del cloro dell’acqua della piscina può essere scongiurata utilizzando il gel protettivo ShieldOn, prima di tuffarsi, indossando la cuffia, ed un pettine a denti larghi. Il motivo di questa operazione risiede nella creazione di una barriera 100% naturale che preserva lo stato dei capelli, impedendo l’assorbimento dell’acqua della piscina. ShieldOn infatti, composto esclusivamente da prodotti naturali e biodegradabili, riveste il capello proteggendone il ph naturale. Massima protezione per i tuoi capelli!

 

3. La cuffia in lattice o in silicone è di vitale importanza

Per proteggere i capelli dal cloro dell’acqua della piscina, devi sempre indossare la cuffia. Sul mercato se ne trovano di diversi modelli in silicone o in lattice che aderiscono perfettamente al capo. Per una protezione totale dal cloro, anche una cuffia in lycra è una possibilità, specie se hai i capelli corti. Se invece li hai lunghi, la cuffia in lycra non è proprio il massimo della comodità.

 

4. Lavare i capelli subito dopo aver finito di nuotare.

Far restare quanto più a lungo il cloro sul cuoio capelluto è il più grossolano degli errori che si possa fare. I capelli si sfibrano e diventano fragili. Lo stesso dicasi per il sale dell’acqua di mare. Ergo, lava i capelli subito dopo aver finito di nuotare. La doccia è meglio farla negli spogliatoi della piscina o della palestra piuttosto che attendere fino all’arrivo a casa. Ricorda sempre di massaggiare sui capelli, dopo lo shampoo, il gel protettivo ShieldOn in modo da ristabilire immediatamente il PH naturale che è stato alterato dallo shampoo.

 

5. Asciugatura naturale, a freddo o… usando un protettivo

L’asciugatura va fatta preferibilmente in maniera naturale, minimizzando l’utilizzo del phon che, in quanto fonte di calore, può seriamente danneggiare i capelli, rendendoli deboli e facilmente spezzabili. Nella circostanza in cui non avessi altra opzione che ricorrere a fonti di calore come il phon, l’applicazione di gel protettivi è un must to have. Guarda qui: http://www.shieldonstore.com/controllers/prodotti.php

 

6. L’aria secca è una minaccia per le condizioni dei tuoi capelli

Inoltre, occhio all’aria dell’ambiente domestico e lavorativo. L’utilizzo di un umidificatore nei contesti con aria secca risulta imprescindibile. Il motivo? La qualità dell’aria dell’ambiente ha un impatto rilevante sullo stato dei capelli. Introdurre un umidificatore può ammorbidirli.

 

Grazie a questi 6 validi consigli su come proteggere i capelli dal cloro in modo naturale, potrai continuare a nuotare senza il minimo rischio di ritrovarteli ogni giorno danneggiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *